Efficienza nell’Industria: l’inizio di una nuova era

D’altro canto i numeri parlano chiaro: secondo l’Istat ci sono 5 milioni di aziende attive, di cui circa 1,5% Grandi Aziende e 5% PMI, il resto è rappresentato da microimprese, molto diffuse nel tessuto industriale.

Poi è arrivato il Decreto legislativo 102/2014, che obbligava aziende energivore e Grandi aziende ad effettuare diagnosi energetiche e a realizzare successivamente gli interventi, e che prometteva a breve, o perlomeno con i soliti ritardi all’italiana, incentivi per le PMI.

Ora ragioniamo sui numeri: c’è un primo gruppo di aziende che ha rispettato la scadenza e ora si sta ponendo il tema di come e cosa implementare (10.000 diagnosi consegnate) ma ci sono tante grandi aziende che devono ancora cogliere questa opportunità.

Il Politecnico di Milano dice che dall’analisi della filiera italiana le ESCo devono avere il ruolo “di soggetti “chiave” per la diffusione dell’efficienza energetica sul panorama nazionale.” Bene, accettiamo la sfida e facciamoci parte attiva per l’inizio di una nuova era nel settore dell’Industria.

Patrizia Malferrari

Presidente di Seaside