Non è più tempo di “Grazie non abbiamo bisogno”

Cosa ci rimane dopo l’ondata di Efficienza Energetica imposta dal Decreto 102?

La risposta delle aziende si divide in due scelte diametralmente opposte: chi vede un’opportunità e chi si nasconde dietro un “Grazie non abbiamo bisogno”.

Dall’esperienza maturata nell’analisi dei sistemi industriali e delle tipologie produttive, si può tranquillamente affermare che tutti hanno necessità di avere qualcuno che li guidi nel processo di efficientamento, sia esso un collaboratore interno o una ESCo certificata esterna.

Chi si ostina a nascondersi dietro a una non necessità apparente non ha realmente compreso le possibilità che la creazione di un movimento nazionale sull’efficienza energetica può dare.

Dall’analisi dei dati emersi dalle diagnosi svolte è evidente come, anche le aziende più efficienti, abbiano sufficienti margini di miglioramento al loro interno per raggiungere risparmi energetici interessanti, che garantirebbero da soli una riduzione dei costi produttivi estremamente redditizia.

La congiuntura economica potrebbe però scoraggiare investimenti per la realizzazione di progetti di miglioramento energetico, ma anche in questo caso Seaside offre una soluzione: la sottoscrizione di un contratto EPC con una ESCo, permette al cliente finale di non dover sostenere le spese, che rimangono in capo alla società e che a sua volta rientrerà dell’investimento tramite la suddivisione dei risparmi reali conseguiti.

Non è decisamente più l’epoca del “Grazie non abbiamo bisogno”.

articolo scritto da Tommaso Peli Key account manager